Hamilton in Ferrari, ora trema anche la Red Bull: proposta indecente a Verstappen?

In F1 è accaduto un vero terremoto. L’annuncio del passaggio di Lewis Hamilton in Ferrari dal 2025 potrebbe scatenare un effetto domino sorprendente.

In Italia è già cominciata la Hamilton mania. Il 7 volte iridato nella Formula Uno, capace di vincere 103 Gran Premi in carriera, ha scelto di sposare la causa Ferrari a partire dal 2025. La proposta monstre presentata dal Presidente John Elkann ha convinto il pilota della Mercedes ad affrontare una terza entusiasmante fase del suo percorso professionale.

Hamilton in Ferrari, ora trema anche la Red Bull
Il terremoto Hamilton in F1 (Ansa) biorace.it

Dopo aver vinto un titolo in McLaren e altri sei riconoscimenti iridati in Mercedes, a quarant’anni Lewis Hamilton si calerà nell’abitacolo di una Ferrari nel tentativo di riportare la Rossa sul tetto del mondo.

L’avversario numero 1 sarà, certamente, Max Verstappen, capace di sottrargli la soddisfazione di vincere l’ottavo riconoscimento in carriera nel 2021 e mattatore assoluto delle ultime due annate. L’olandese e la Red Bull Racing oramai sono una cosa sola e sebbene sembrava inscindibile anche il rapporto che legava Hamilton alla casa di Stoccarda, le condizioni che spingono e spingeranno l’olandese a rimanere a Milton Keynes sono evidente.

Al momento la squadra austriaca è l’unica ad aver compreso come funzionano le auto ad effetto suolo. la Mercedes ha sofferto in passato dell’effetto porpoising, mentre la Ferrari è stata afflitta dal surriscaldamento delle mescole nella passata stagione. Gli alti e bassi di Aston Martin e McLaren testimoniano la difficoltà di riuscire a risultare competitivi su ogni tracciato del calendario, ma il gruppo di tecnici guidati dal geniale Adrian Newey sono stati in grado di partorire una monoposto che ha scritto i libri di storia della Formula Uno.

Il terremoto Hamilton

Stanco di arrivare alle spalle dei piloti della Red Bull Racing, Lewis Hamilton con zero vittorie all’attivo negli ultimi due anni, ha deciso di sposare la causa Rossa. La possibilità di laurearsi campione del mondo al volante di una Ferrari, battendo un fenomeno come Max Verstappen ha acceso un fuoco nel cuore mai sopito dell’anglocaraibico. La Mercedes si è trovata, completamente, spiazzata dalla decisione di Lewis anche perché pensava di averlo messo sotto contratto per le prossime due annate.

In F1 è accaduto un vero terremoto.
La sfida tra Hamilton e Verstappen (Ansa) biorace.it

Hamilton non si è fatto pregare e davanti alla possibilità di riscrivere primati assoluti, il Cavallino ha accettato la sfida più difficile. Ad oggi Mercedes e Ferrari sono lo stesso livello ma cosa accadrà alla squadra di Brackley senza una guida tecnica come Lewis Hamilton? E’ la domanda che si sta facendo anche il team principal Toto Wolff alla ricerca disperata di un campione in grado di sostituire Hamilton.

Secondo le ultime voci l’austriaco sarebbe in contatto persino con il quattro volte iridato Sebastian Vettel, ma non si può escludere la strada che porta a Max Verstappen. I tecnici Milton Keynes temono che possa arrivare una proposta indecente all’olandese che, però, non avrebbe alcun motivo logico di lasciare la squadra migliore del lotto, forte di un contratto faraonico che lo lega sino al termine del 2028. Date una occhiata alle posizioni aperte in Lamborghini se sognate di lavorarci.

Al sito Sport.de, Helmut Marko ha dichiarato: “Toto Wolff ci proverà, ma non avrà successo“. Max, infatti, potrebbe essere anche piuttosto tentato dall’idea di battere Leclerc e Hamilton in futuro. Magari dopo il 2026 con le nuove PU potrebbero cambiare le carte in tavola, ma ora Verstappen sta benissimo nell’abitacolo della RB. Secondo il consigliere austriaco, tra l’altro, Max “ha una buona memoria” e non avrebbe dimenticato gli attriti con il team rivale nel 2021.

Impostazioni privacy