Incubo autovelox in Italia, è successo di nuovo: tutto svelato

Proseguono i comportamenti incivili e aumentano gli emulatori di gesti vandalici verso gli autovelox in tutta Italia

L’ondata di comportamenti incivili nei confronti degli autovelox continua a dilagare in tutta Italia, con un preoccupante aumento dei gesti vandalici contro questi dispositivi. La distruzione sistematica degli strumenti dedicati al controllo della velocità sta emergendo come un problema rilevante a livello nazionale, alimentando crescenti preoccupazioni tra le autorità competenti.

Negli ultimi mesi, si è assistito a un incremento significativo di attacchi ai danni degli autovelox, con casi documentati in diverse regioni italiane. I gesti vandalici variano nella fantasia della manomissione, rendendo inefficaci questi dispositivi vitali per il controllo e la sicurezza del traffico stradale.

Incubo autovelox in Italia, è successo di nuovo: tutto svelato
Autovelox (ANSA) – Biorace.it

Le motivazioni dietro questi atti vandalici possono essere molteplici, con alcuni che potrebbero essere spinti da frustrazioni legate all’impiego dei dispositivi per il controllo della velocità o da un generale disprezzo per le normative stradali vigenti.

Tuttavia, indipendentemente dalle ragioni, le conseguenze sono innegabilmente serie, minando gli sforzi delle autorità per garantire la sicurezza stradale e promuovere il rispetto delle regole del traffico. Le autorità locali e nazionali stanno intensificando gli sforzi per contrastare questo fenomeno, implementando misure di sorveglianza più rigorose e aumentando le sanzioni per chi viene scoperto a compiere atti vandalici contro gli autovelox.

Dilagano i seguaci di Fleximan

Gli emulatori di Fleximan si moltiplicano in maniera esponenziale in varie regioni italiane. Dal nord al sud, le forze dell’ordine locali e nazionali non smettono di segnalare i ripetuti gesti vandalici rivolti da anonimi individui nei confronti degli autovelox, decisi a risolvere il problema delle contravvenzioni emesse dalle apparecchiature elettroniche alla radice e con metodi poco ortodossi. Difficilmente vengono individuati i colpevoli, vista la rapidità di azione e, forse, anche la complicità della comunità.

seguaci di fleximan
Aumentano gli episodi di vandalismo verso gli autovelox (canva.com) – biorace.it

Una comunità che vede nel rilevatore automatico di velocità il problema delle contravvenzioni, per loro giudicate ingiustificate, una sorta di furto autorizzato che giustificherebbe l’azione violenta volta alla distruzione dello strumento.

Gli ultimi episodi vandalici sono stati registrati a Spoleto, in Umbria, che ha visto l’abbattimento dell’autovelox posizionato sulla statale Flaminia e uno a Palmi, in provincia di Reggio Calabria sulla statale 18. Le regioni più colpite da questi episodi di vandalismo restano il Veneto, terra di origine di Fleximan e il Piemonte, con Asti vittima di vari episodi di questo genere.

In un contesto in cui la sicurezza stradale è una priorità assoluta, è imperativo che la società nel suo complesso si mobiliti per contrastare questi comportamenti incivili e proteggere gli strumenti essenziali per la regolamentazione del traffico e la prevenzione degli incidenti.

Resta urgente una riflessione più ampia sulla radice di questo problema e sull’efficacia delle strategie di prevenzione e dissuasione attualmente adottate. Solo attraverso un impegno collettivo e una vigilanza costante sarà possibile arginare questa pericolosa tendenza e preservare la sicurezza di tutti gli utenti della strada.

Impostazioni privacy