Trattativa chiusa in Formula 1: questa si che è una bella notizia

La Formula 1 continuerà a gareggiare in una delle piste più belle della sua storia, dopo alcuni timori degli ultimi giorni.

Il mondiale di Formula 1 sta attuando delle grandi modifiche ai calendari, abbandonando tante piste storiche in favore di cittadini. L’ultima notizia è quella relativa all’avvento di Madrid, dove si svolgerà il Gran Premio di Spagna a partire dal 2026, con il destino di Barcellona che, a questo punto, pare davvero segnato. Negli USA sono arrivati impianti come quelli di Miami e Las Vegas, ed ora si parla anche di un eventuale tappa a Chicago, anche se al momento pare una possibilità più remota.

Formula 1 che bella notizia
Formula 1 piloti in azione (ANSA) – Biorace.it

La Formula 1 deve tornare a quelle che erano le piste del passato, dove si è fatta la storia di questo sport, e che di sicuro garantirebbero un maggiore show naturale, non costruito come nel caso dei lunghissimi rettilinei di Baku e Las Vegas. Per fortuna, nelle ultime ore è arrivata una bella notizia, che di sicuro farà sorridere gli appassionati.

Formula 1, la pista di Suzuka resta in calendario

Dopo qualche giorno di indiscrezioni che avevano fatto temere il peggio, la Formula 1 ha ufficializzato che il Gran Premio del Giappone resterà a Suzuka almeno sino al 2029. Nei fan si era insinuata una paura non da poco, soprattutto dopo quanto accaduto in Spagna con Madrid, dal momento che si era iniziato a parlare di un possibile spostamento dell’appuntamento nipponico in un nuovo cittadino, eventualmente da far costruire nella città di Osaka.

Suzuka resta in calendario
Suzuka partenza del GP (ANSA) – Biorace.it

Stefano Domenicali ha così commentato la notizia, in qualità di CEO di Liberty Media: “Suzuka è una pista speciale e fa parte del tessuto di questo sport, quindi sono lieto del fatto che la Formula 1 correrà a correre da queste parti almeno sino al 2029. In questa stagione torneremo in Giappone prima del solito, e voglio esprimere tutta quella che è la mia gratitudine al promotore dell’evento, ma anche al team di Honda MobilityLand per aver sostenuto il nostro sforzo per una maggiore razionalizzazione del calendario, in modo da rendere il nostro sport più sostenibile“.

Infatti, la tappa di Suzuka si è sempre corsa tra settembre ed ottobre, ma in questo 2024 tutto sarà diverso. Il Gran Premio del Giappone è infatti in programma per il week-end compreso tra il 5 ed il 7 di aprile, come quarto round del campionato dopo Bahrain, Arabia Saudita ed Australia. Gli obiettivi sono quelli di evitare eventuali tifosi, che dopo la fine dell’estate sono sempre più probabili, ma soprattutto quello di includere Suzuka nella fase iniziale del calendario dove si corre in Oriente, in modo da rendere le trasferte più sostenibili.

Non ci sono dubbi sul fatto che il rinnovo di Suzuka, per chi ama questo sport, sia una vera e propria manna dal cielo. Qui si è scritta la storia della massima formula in tante occasioni, dalle lotte tra Ayrton Senna ed Alain Prost a quelle tra Michael Schumacher e Mika Hakkinen, sino a tempi più recenti. Abbandonare una delle piste più difficili e tecniche del mondiale sarebbe stato folle, ma per fortuna, ciò non è avvenuto.

Impostazioni privacy